Protezione solare fisica e chimica: come dire la differenza e quale tipo scegliere

Data la scelta, sceglierò SEMPRE ingredienti naturali invece di quelli chimici & # x2014 e le creme solari non fanno eccezione.

Potresti aver sentito termini come fisico, minerale, naturale, chimico, organico e inorganico per descrivere le formule di protezione solare...

Ma cosa significa questo? E come si sceglie la protezione più sicura e migliore?

Aiuto è qui! In questo articolo, scoprirai:

Cos'è una protezione solare fisica?

I filtri solari fisici sono anche noti come filtri solari minerali, naturali o inorganici. 

Essi'tutte le stesse cose & # x2014; tutti questi termini si riferiscono a filtri solari che contengono uno o entrambi questi filtri minerali: 

Questi ingredienti ti proteggono dal sole agendo come un blocco fisico. Si siedono sulla pelle e lavorano riflettendo la luce del sole.

Cos'è una protezione solare chimica?

I filtri solari chimici sono anche noti come filtri solari organici e # x2014, il che è fonte di confusione, perché questo di solito significa "naturale", mentre questi ingredienti sono tutt'altro che!

Alcuni dei più comuni filtri solari per la protezione chimica includono:

Di solito, questi si trovano in combinazione piuttosto che come singolo ingrediente attivo in una formula.

Tuttavia, il modo più semplice per sapere se un SPF è chimico è cercare l'ossido di zinco e / o il diossido di titanio. Se essi'non sulla lista degli ingredienti, quindi lo sai's una formula chimica!

Differenze di protezione solare fisica e chimica

Ecco le principali differenze tra i due tipi di filtri solari e # x2014 e perché potresti voler passare da chimico a fisico!

1. La protezione solare chimica assorbe il flusso sanguigno

La protezione solare minerale è la più sicura, perché rimane sulla superficie della pelle, la pelle e agisce riflettendo la luce del sole.

La protezione solare chimica, d'altra parte, penetra effettivamente * nel tuo flusso sanguigno. Funziona assorbendo i raggi UV e convertendoli in calore che viene rilasciato attraverso la pelle. Ma lo sapevate che ingredienti chimici come l'ossibenzone possono indugiare nel nostro corpo per cinque giorni dopo una singola applicazione? È stato rilevato nel latte materno, nel sangue e nelle urine. Questo studio l'ha trovato nelle urine del 96% delle ragazze di 6-8 anni. 

Io don'So di te, ma se ho la scelta, io'Piuttosto preferisco evitare i prodotti che entrano e rimangono nel mio corpo. Inoltre, questi ricercatori hanno scoperto qualcos'altro: gli ingredienti chimici per la protezione solare possono agire come stimolatori della penetrazione, aiutandoli altro sostanze chimiche che usi per entrare nella pelle.

* Un'eccezione è l'octinoxate incapsulato (trovato in CyberDerm Every Morning Sun Whip SPF 25). L'incapsulamento fa sì che agisca come le grandi molecole dei filtri minerali, che rimangono sullo strato esterno della pelle morta invece di assorbirsi nel corpo. Perché questa tecnologia è più costosa, hai vinto'lo trovo nelle creme solari di massa.

2. La protezione solare chimica è collegata alla rottura dell'ormone

Uno dei maggiori problemi con la protezione solare chimica è che potrebbe simulare, bloccare o alterare i livelli di ormone & # x2014, noto anche come interruzione endocrina. 

Sebbene non ci siano risposte definitive ANCORA, questi ricercatori hanno scoperto che l'oxibenzone, l'omosalato e l'octinoxato influenzano la tiroide e gli ormoni riproduttivi in ​​numerosi studi su animali e cellule. Quest'anno, a Società Endocrina studio ha riportato prove che otto ingredienti chimici per la protezione solare interferiscono con la funzione delle cellule dello sperma umano. Così'Non è un modo per concludere che l'SPF chimico potrebbe influenzare la nostra fertilità.

Non vi sono prove di effetti ormonali derivanti dall'uso dell'ossido di zinco o del biossido di titanio. 

3. La protezione solare chimica può causare danni alle cellule

Un altro problema con la protezione solare chimica è che's legato al danno ossidativo, grazie alla protezione inadeguata dai raggi UVA. 

Senza dubbio tu'Ho sentito le parole "radicali liberi" prima e le conosciamo're nemico numero uno in termini di invecchiamento della pelle. Ma cosa significa veramente quel termine? Si riferisce a molecole di ossigeno altamente reattive & # x2014; sottoprodotti chimici che vengono generati dall'esposizione a fattori ambientali come fumo, inquinamento e (indovinato!) Radiazioni UV. I radicali liberi favoriscono l'invecchiamento precoce attaccando le strutture cellulari e degradando le fibre di collagene ed elastina.

Poiché alcuni prodotti chimici per la protezione solare non sono molto fotostabili, possono amplificare la produzione di radicali liberi, rilasciando questi sottoprodotti nocivi quando assorbono l'energia UVA. In effetti, questo studio ha rilevato che alcuni filtri chimici possono causare la formazione di più radicali liberi rispetto a nessuna crema solare!

Che cosa'Ancora più inquietante è che la protezione solare chimica potrebbe causare mutazioni genetiche. Diversi studi (vedi qui, qui, qui e qui) hanno scoperto che alcuni ingredienti SPF generano danni al DNA nelle cellule epiteliali umane in seguito all'esposizione ai raggi UV. Ciò significa potenziale cancerogenicità. SCARY.

Per sopprimere questa cascata di formazione di radicali liberi, hai bisogno di una protezione solare con filtri UVA forti. L'ossido di zinco è l'opzione migliore perché offre una protezione ad ampio spettro contro i raggi UVA e UVB. (Don'si basano sul biossido di titanio, come esso's inadeguato da solo per la protezione UVA). 

Consulta la tabella in alto, tramite l'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti, per vedere come si confrontano gli ingredienti. Vorrei che Health Canada avesse un grafico così user-friendly!

4. La protezione solare chimica può innescare reazioni cutanee e acne

Se hai la pelle sensibile o sono inclini alle allergie, una protezione solare fisica è sicuramente la strada da percorrere. (Anche se lo dico sempre'È bene sbagliare sul lato della dolcezza con la pelle, in generale, indipendentemente dal tipo di pelle.) 

I filtri solari chimici sono molto più propensi a scatenare la dermatite da contatto; i sintomi possono includere eruzioni cutanee, prurito, vesciche e gonfiore. L'ossibenzone è il peggior colpevole, ma è noto che anche l'avobenzone, l'octinoxato e l'octocrylene causano reazioni cutanee allergiche. 

Non ci sono casi di allergia cutanea da ossido di zinco o biossido di titanio.

Se tu'anche i filtri minerali inclini all'acne sono i migliori, perché loro'meno comedogenico (intasamento dei pori) rispetto agli ingredienti chimici. L'ossido di zinco e il diossido di titanio possono anche essere leggermente essiccati sulla pelle, rendendoli ideali per i tipi normali e grassa & # x2014 o per chiunque desideri evitare di sentire untuoso. (Nota: tu'Ovviamente vogliamo controllare gli altri ingredienti in qualsiasi formula minerale per comedogenicità.)

5. Chemical Sunscreen Doesn't Ti protegge subito e richiede una riapplicazione frequente

Ricorda come ho detto che la protezione solare fisica si trova sulla pelle, mentre la protezione solare chimica deve essere assorbita? Bene, questo significa che i minerali inizieranno a proteggerti dal sole immediatamente, non appena li applichi. Con SPF chimico, è necessario attendere circa 20 minuti prima di te'considerato come protetto.

Anche molti filtri solari chimici sono instabili, quindi non indossano't lavorare per molto tempo. Cominciano ad abbattere rapidamente al sole, perdendo la loro efficacia & # x2014, motivo per cui i dermatologi sono così irremovibili che li ri-applichiamo spesso. Anche se ci sono opzioni che hanno vinto't rovinare il tuo trucco, lascia'Lo affronti: la re-applicazione è una specie di dolore!

Al contrario, la protezione solare fisica dura più a lungo, a condizione di te'Non bagnare eccessivamente o sudare eccessivamente (che potrebbe renderlo logoro). Ogni due ore è la "regola d'oro" per la re-applicazione della protezione solare, ma se hai fatto un'accurata applicazione della protezione solare fisica al mattino e poi hai passato la maggior parte della giornata in casa, allora'Probabilmente sono ancora adeguatamente protetti (come suggerisce la dottoressa Cynthia Bailey qui). Tuttavia, per essere al sicuro, continuerei a riapplicare l'SPF fisico quando sono all'aperto per lunghi periodi di tempo.

6. La protezione solare fisica può sentirsi più pesante e può lasciare una dominante bianca

Ora, ecco i potenziali aspetti negativi dei filtri solari fisici. Per natura, i principi attivi ossido di zinco e biossido di titanio sono più pesanti e possono sentirsi spessi e un po 'grassi sulla pelle. I filtri chimici, al contrario, hanno spesso una consistenza indistinguibile da un leggero idratante. 

La cosa che la gente si lamenta di più è il getto bianco che i filtri solari a base di zinco possono lasciare sulla pelle (a differenza delle formule chimiche, che scompaiono). Se hai tempo per aspettare, questo tende a scomparire dopo un po 'mentre la crema solare si affonda nella tua pelle. Vorrei provare ad aspettare almeno 15 minuti.

In alternativa, ci sono formule tinte come Drunk Elephant Umbra Tinte Physical Daily Defense SPF 30, che non't go on white a tutti. Altre opzioni qui! 

Relazionato: editore'Scelte s: 16 dei migliori filtri solari colorati per il tuo viso

Potresti anche essere in grado di replicare lo stesso effetto mescolando un fondotinta o una crema idratante colorata nel tuo SPF. (Solo don'lo diluisci troppo, o tu'll diminuirà il livello di protezione!)

Anche con questi problemi estetici, credo ancora che i filtri fisici siano una scelta migliore rispetto ai prodotti chimici, che presentano rischi molto più gravi!

Inoltre, le formule fisiche continuano a migliorare e # x2014, più leggero e meno sbiancante. Ciò è dovuto alle nanoparticelle (particelle minuscole di ossido di zinco comprese tra uno e 100 nanometri), che consentono alla formula di essere più trasparente. Secondo il gruppo di lavoro ambientale, le nanoparticelle nella crema solare non penetrano nella pelle o causano danni. 

Raccomandazioni di protezione solare fisica

Ecco alcuni dei filtri solari fisici nella mia rotazione. Tenere presente che maggiore è la concentrazione di ossido di zinco, meglio è! Per ulteriori informazioni su come scegliere una grande protezione solare, vedere qui.

Per ulteriori consigli sui prodotti, vedere la mia protezione solare per il viso e le guide per la protezione solare del corpo!

Conclusione

Sei a bordo della protezione solare fisica con me? Spero che questi punti ti abbiano almeno dato spunti di riflessione!

Ovviamente, alcune creme solari sono meglio di nessuna crema solare e # x2014, se l'alternativa è una bruciatura e # x2014, e la migliore protezione solare è quella che indosserai REALMENTE. (Ecco perché ho incluso qui sia le opzioni fisiche che quelle chimiche.)

Ma visti i molti problemi di sicurezza che ho delineato, lo penso'Vale la pena dedicare del tempo a trovare una formulazione fisica che funzioni per il tuo stile di vita, pelle e budget. io'Mi piacerebbe sapere su quali sono funzionanti (e non funzionanti) per te!

Editor del negozio'Picks

Usi la protezione solare fisica o chimica?
Quale formula è la tua preferita?

1

About

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

11 − = 2